Pubblicato il 03/03/17 da Michael Maneia

Nintendo Switch: Hands on a Milano

Splatoon 2

Splatoon è stato un coraggioso esperimento. L’ingresso di Nintendo nel mondo degli sparatutto online, con un TPS colorato e particolare, mi ha fatto sorridere e mi ha regalato delle stupende partite online… Per poco. Il netcode era assurdamente instabile, la mancata possibilità di escludere giocatori orientali o americani dal matchmaking spesso portava a partite costantemente minate da lag o, peggio, disconnessioni totali.

La modalità in Wi-Fi locale è quindi una gradita novità e mi permetterà almeno di giocare in gruppo con gli amici, e la speranza che un servizio online a pagamento renda anche la modalità online più stabile mi fa dormire sonni più tranquilli.

Per quanto riguarda il gioco in sè, tutto è migliorato: dal sistema di puntamento più preciso sia tramite motion control che tramite stick, alle armi più bilanciate (il rullo, se attacchiamo in salto, ora lancia colore a distanza, mentre il charger ci permette di prendere la mira in movimento e di mantenere la carica per pochi secondi se ci trasformiamo in calamari), ai nuovi splat-dualies che di prepotenza sono entrati nel mio cuore come nuova arma preferita. Unite a questo troviamo mappe totalmente riviste, nuove armi speciali e una resa grafica impeccabile nei suoi 720p, almeno su portatile (su TV purtroppo non me la sento di giudicare, giocare a mezzo metro di distanza su un 50 pollici non aiuta).

Spero solo che la modalità single player sia a livello o anche meglio di quella vista nell’originale, anche se tutto ciò che aspetto è passare serate a casa di amici a splattarci allegramente.

______________________________________________________________________

Non avendo provato il primo Splatoon non posso esprimere un parere paragonandolo al precedente capitolo: Splatoon 2 si è confermato come un TPS molto allegro e atipico, con qualche problema di telecamera nelle mie mani probabilmente dovuto al motion sensor (che mi ha fatto giocare due partite con una inquadratura fissa dall’alto). Probabilmente sarà uno dei titoli Switch meno usati in modalità handheld.

Aymeric - Biografia

Michael Maneia
Nato tra le risaie, cresciuto a console e jrpg, per poi convertirsi al PC. I videogiochi han avuto un tale peso sulla sua vita che li ha fatti diventare il suo lavoro.