Pubblicato il 03/03/17 da Michael Maneia

Nintendo Switch: Hands on a Milano

Mario Kart 8 Deluxe

Non sono mai stato fan delle edizioni remaster a distanza di pochi anni e soprattutto a solo una generazione di console, ma son convinto che, dopo l’ottimo Mario Kart DS, la serie di giochi di corse fosse più adatta a una dimensione portatile, da poter condividere con gli amici nella stessa stanza sulla propria console, senza split screen o problemi di netcode online.

Mario Kart 8 su Wii U è stato un’ottimo gioco, con un track design eccelso e una prima vera distribuzione di DLC da parte di Nintendo azzeccata, con contenuti in linea con il prezzo offerto ma, appunto, ha perso quel senso di giocabilità in gruppo “a schermo intero” che avevano le iterazioni du DS e 3DS.

Ecco che Mario Kart 8 Deluxe mi dona ciò che volevo, la possibilità di giocare a uno dei miei racing game preferiti in mobilità, a 60 fps, con la possibilità di un gameplay locale via wi-fi lag free, assieme a tutto il ben di dio che avevo su Wii U, DLC inclusi. Certo c’è la nuova modalità battaglia (con piste dedicate, grandi assenti nella versione precedente), nuovi oggetti, nuove auto e cinque nuovi personaggi, ma la portabilità per me è ciò che differenzia le due versioni e anche se sembra si tratti di una cosa marginale, per me è ciò che rende questa versione il VERO Mario Kart 8.

______________________________________________________________________

Non occorre essere grandi fan della saga per capire che le motivazioni dietro il porting di Mario Kart 8 sono quelle della portabilità e del party game, porting che si rivela una intuizione geniale e vera prima killer app di Switch.

Con la possibilità di utilizzare i JoyCon collegati alla nuova periferica a forma di volante, Mario Kart 8 Deluxe si conferma la migliore versione in circolazione e uno dei titoli Switch da prendere assolutamente.

Aymeric - Biografia

Michael Maneia
Nato tra le risaie, cresciuto a console e jrpg, per poi convertirsi al PC. I videogiochi han avuto un tale peso sulla sua vita che li ha fatti diventare il suo lavoro.