Pubblicato il 01/05/20 da La Redazione

Pathfinder 2 – La seconda edizione

Spade e Magia 2.0
Editore: /
Autore: /
Numero di giocatori: /
Tempo di gioco: /
Età suggerita: /

Pathfinder 2 – Introduzione

Il 6 Marzo 2018, Paizo, azienda americana nel settore dei giochi di ruolo, inaspettatamente annunciò la seconda edizione del suo prodotto di punta: Pathfinder. Sebbene sia scontato che un prodotto di successo come lo è Pathfinder riceva una versione 2.0, in molti storsero in naso. Le ragioni di tale diffidenza sono perlopiù derivate dalle origini stesse del gioco di ruolo fantasy, nato come risposta ad un cambiamento non solo non desiderato, ma imposto all’intera player-base del più grande gioco di ruolo di tutti i tempi: Dungeons&Dragons.

Pathfinder, infatti, nacque come un’ambientazione per Dungeons&Dragons 3.5 che faceva parte degli innumerevoli supplementi che erano disponibili per l’edizione probabilmente più longeva ad oggi di questo sistema, il D20 system. Jason Bulmahn, attuale Lead Game Designer per Paizo, stilò una versione riveduta e corretta del regolamento di D&D atta a snellire l’eccessiva macchinosità del sistema.

Ogni cosa ha una sua fine, e la Wizard of the Coast decise che era il momento di passare ad una nuova edizione del suo gioco, la famosa quarta edizione. Indubbiamente più rapida e snella, ma fin troppo orientata al combattimento, spaccò il pubblico in due. Tra le lamentele dei giocatori che volevano continuare a veder supportato un sistema che aveva ormai raggiunto dei livelli di personalizzazione ampissimi, Jason Bulmahn fu lungimirante: fece pressioni per distaccarsi dal marchio D&D, riprese in mano il regolamento che aveva stilato, lo sistemò e lo diede in pasto ai giocatori. Quello fu il primo tassello nella nascita di Pathfinder per come lo conosciamo oggi. Un tassello che gli valse il premio come “miglior prodotto gratuito o supplemento web” nel 2008, confermandosi come il più grande playtest di sempre fino ad allora.

Tornando ai giorni nostri: ora potrete immaginare come l’utenza di Pathfinder possa aver preso alla sprovvista gran parte del proprio bacino di utenza(sebbene ci fossero state alcune anticipazioni…), d’altronde in tanti si erano rivolti proprio a Pathfinder per non dover abbandonare un sistema di gioco a loro caro, nonostante il regolamento, per quanto svecchiato, abbia letteralmente 20 anni sulle spalle (D&D 3.0 fu pubblicata nel lontano 2000).

Nonostante le controversie derivate dall’annuncio, Paizo ha tirato dritto, ripetendo per la seconda volta il piano vincente che aveva decretato il successo della prima edizione: un gigantesco playtest, della durata di un anno, distribuito digitalmente ed in maniera completamente gratuita. Dopo questa fase di fine tuning, arrivò il lancio ufficiale al GenCon 2019.

Pathfinder 2 italiano

Fra pochissimi giorni, Giochi Uniti pubblicherà la traduzione italiana del gioco di ruolo ambientato nel fantastico (letteralmente) mondo che risponde al nome di Golarion e due dei nostri redattori, RickyAll e Carisma20 (entrambi appassionati giocatori di ruolo), hanno voluto affrontare l’arduo compito di raccontare ciò che hanno imparato dalla versione in lingua originale di Pathfinder 2ᵃ Edizione, analizzando il gioco sotto l’aspetto puramente meccanico (soffermandosi sulle differenze con la precedente edizione) sia dall’aspetto del Setting e della Lore.

Bando alle ciance: Benvenuti a Golarion!

Pathfinder 2 core rulebook
Ed eccolo qui, in tutto il suo splendore.

La Redazione - Biografia

Avatar
Pixel Flood è una giovane realtà italiana impegnata nel settore videoludico. Siamo una redazione sempre in crescita, che si occupa principalmente di videogiochi (ma senza disdegnare boardgame e giochi di ruolo) con una particolare attenzione al panorama indie italiano. Crediamo che il valore di un gioco non debba essere espresso da numeri inflazionati: per questo nelle nostre recensioni diamo medaglie e non voti.

Commenta questo articolo!