Pubblicato il 14/06/21 da Sakurin

Scarlet Nexus, Disponibile la Demo giocabile!

Provata per voi la Demo del nuovo titolo Bandai Namco, Scarlet Nexus
Developer: /
Publisher: /
PEGI:

Bandai Namco ha finalmente rilasciato la demo di uno dei nuovi prodotti molto attesi dai videogiocatori. Stiamo parlando di Scarlet Nexus, un action game ambientato in un mondo definito Psico Punk. In attesa di avere tra le mani il gioco completo e potervi fornire una vera recensione, andiamo a darvi una prima impressione di questa attesa demo, provata su PS4.

Tanti personaggi e uno stile grafico davvero intrigante

LA TRAMA

La prima cosa che ci troviamo davanti è un tutorial mascherato da esame attitudinale per poter entrare in servizio, a tutti gli effetti, nel gruppo delle Forze di Soppressione Estranei (FSE). La Demo quindi si svolge in medias res senza dare al giocatore un quadro generale della situazione, ma per quello ci pensiamo noi. Siamo in un lontano futuro, in cui la scoperta di un ormone all’interno del cervello umano, ha dato alle persone delle capacità extra sensoriali, cambiando quindi molto la vita sulla Terra. La minaccia, in questo nuovo mondo, è data dagli Estranei, una sorta di esseri mutanti a caccia di cervelli umani. Per poter combattere questi nemici, quasi totalmente immuni alle armi convenzionali, viene creata una Forza di difesa composta da persone dotate di poteri extra sensoriali estremamente sviluppati.

Kasane e Yuito, due protagonisti, due storie che si intrecciano

L’avventura, scritta dai creatori dell’apprezzatissimo jprg Tales of Vesperia, può essere affrontata su due linee di story telling che andranno poi a intrecciarsi. Potrete quindi scegliere se essere l’imperturbabile Kasane Randall o l’allegro Yuito Sumeragi. I due protagonisti avranno ovviamente abilità diverse: se la giovane ragazza predilige il combattimento in lontananza con armi di lunga gittata, la sua controparte maschile invece sarà molto più incline ad un combattimento ravvicinato.

IL GAMEPLAY

Il gamplay è simile per entrambi i personaggi, il tutorial inziale è ottimo per apprendere le basi, ma è durante la prima missione, messa a disposizione durante la demo, che si capisce la varietà e il divertimento che esso può offrire. La chiave della vittoria è la psicocinesi, o PSI, che il personaggio usa per combattere. Può essere gestita per lanciare oggetti contro i nemici, per acquisire temporaneamente le abilità del party, o per eseguire degli spettacolari colpi di grazia. La PSI consuma la relativa barra di energia, che si ricarica attaccando in mischia con l’arma principale. Il sistema è molto dinamico e intuitivo, premia sicuramente la velocità di reazione e l’analisi dell’ambiente da parte del giocatore. Il gioco, su PS4, gira a 30 fps, forse non il top per questo tipo di gioco così improntato sulla velocità di reazione, ma comunque in sede di prova personalmente non sono stati riscontrati problemi che inficiassero l’esperienza ludica.

La narrazione si avvale di intermezzi statici che ricordano vignette di un fumetto

La storia è narrata tramite brevi spezzoni video intervallati da dialoghi a schermo in una sorta di fumetto doppiato. Tra le varie opzioni, è possibile scegliere se giocare con doppiaggio inglese o originale giapponese, settabile dal menù di gioco. Buona la possibilità di personalizzazione dei personaggi che avranno due schede modificabili, una relativa alle armi e a 3 possibili accessori per migliorare l’efficacia in battaglia, e una scheda, meramente estetica, per cambiare l’aspetto del vostro alter ego, costume e 3 tipologie di accessori che potranno essere raccolti durante l’esplorazione e nel proseguire con la storia (va sottolineato che questi accorgimenti, seppur solo estetici, vengono visualizzati anche durante gli intermezzi di gioco).

CONCLUSIONI

Concludiamo parlando del comparto sonoro che si integra bene nel mondo creato dagli sviluppatori, dando energia senza stancare o esagerare nei toni. La theme song è decisamente vitale e carica di forza. Il gioco quindi sembra aver tutte le carte in regola per essere un buon prodotto, vedremo se anche la storia saprà farsi apprezzare come il gameplay e l’intrigante estetica del titolo.

 

 

 

Sakurin - Biografia

Laureata in Lingue Orientali e da sempre appassionata di tutto ciò che è Giappone. Nerd da una vita e gamer da ancora prima! Preferisce i jrpg, ma non disdegna giochi d'azione e picchiaduro.