Pubblicato il 11/05/22 da Barbarossa

Astral Ascent – Recensione

Un roguelite
Developer: /
Piattaforma: /
Genere: /
PEGI:

Astral Ascent – Stella del Firmamento

Astral Ascent nasce come progetto Kickstarter dalle menti del gruppo Hibernian Workshop. Quando vai su Kickstarter e non ti conosce praticamente nessuno, tutto prende la piega di una scommessa. Certe scommesse sono falsate, sei destinato a perderle, non c’è nulla da fare. Altre scommesse rappresentano un rischio altissimo dove ti giochi tutto, ma non sei sicuro del risultato finale. Quelle come Astral Ascent, invece, sono delle puntate sicure, che quasi verrebbe da chiedersi: “Ma come mai nessuno c’aveva pensato prima?“. Astral Ascent è una Stella del Firmamento dei giochi roguelite, di cui è fiero e degno rappresentante.

Ma perchè Astral Ascent brilla così forte e può arrivare a bruciare come il sole di una galassia lontana?

Una delle stanze che rivedrete più spesso… la prima!

Gameplay e comparto tecnico – Precisione e rigiocabilità

Cos’è Astral Ascent? Astral Ascent è un roguelite platformer 2D in pixel-art: sembra quasi incarnare il prototipo di tutti i clichè del mondo indie che non ci emoziona. Hibernian Workshop, però, riesce a prendere questi ingredienti, fonderli insieme, e farli funzionare come una delle migliori ricette uscite dal vecchio libro di cucina della nonna… quello che apri due volte l’anno per fare i dolci delle feste.
Astral Ascent può essere riassunto in due parole: precisione e rigiocabilità.

Precisione perchè il gameplay è sempre preciso ed accurato. Le azioni di combattimento si svolgono sempre in maniera chiara, permettendovi di sfruttare il pad e di spremerlo fino in fondo, mai rimanendo scontenti dalle movenze o gli attacchi del vostro personaggio.
Le meccaniche di gioco sono semplici ma profonde: avremo a disposizione degli attacchi base per ricaricare il nostro mana che sarà necessario per usare le spell a nostra disposizione. Ogni run ci darà a disposizione un predeterminato numero di slot per le nostre magie che, una volta utilizzate, andranno in cooldown fino a quando non avremo finito di usare tutte le rimanenti. Solo allora ci sarà permesso tornare ad usarle tutte: questa profondità di sistema ci metterà alla prova in ogni istante ma ricordate che vi sarà sempre possibile ciclare tra gli incanti ancora a disposizione.

Un combattimento all’ultimo sangue nel vuoto cosmico? Perchè no!

La rigiocabilità, invece, è data dal genere stesso, il roguelite, che vi vedrà affrontare livello dopo livello ma, questa volta, permettendovi di scegliere la prossima stanza e il premio al termine di essa. Se vi ricorda Hades, il pluripremiato titolo, beh… è proprio così. Questa meccanica è molto simile a quella di Hades, anche se in Astral Ascent, la variabilità di stanze a disposizione è superiore. Livellare le vostre spell, curarvi, trovare nuove magie: questi sono solo alcuni esempi delle sfide che potrete andare ad affrontare durante il vostro percorso per raggiungere l’agognata libertà dalla prigione delle stelle dalla quale state cercando di scappare.
Avrete la possibilità di scoprire la storia dei personaggi a disposizione (4 in totale), così come molti retroscena della storia, molto curata in ogni dettaglio. Gli scambi tra i personaggi e i boss di fine zona sono sempre molto contestualizzati, a seconda, per esempio, se è la prima volta che incontrate quel boss con un determinato eroe oppure no: una piccola chicca che ho molto gradito, che aumenta l’immersione e offre un layer di spessore allo storytelling del gioco.

Dal punto di vista di direzione artistica, Astral Ascent è un solido rappresentante del mondo pixel art, con piani sequenza che rimandano all’animazione moderna. Stonano un po’, forse, le illustrazioni 2D dei personaggi durante le cutscene di dialogo con gli altri personaggi che fanno parte della pletora dei vostri aiutanti: lo stile è molto diverso da quello a cui vi abituerete presto nelle fasi di gameplay, quindi a me è sembrato un po’ cozzare con la generica armonia che in realtà ho percepito nella altre aree del gioco.

Astral Ascent – Accesso anticipato, qui per rimanere

In definitiva, Astral Ascent rappresenta un solido roguelite che, benchè sia in accesso anticipato su Steam, è sicuramente qui per rimanere. La sua profondità e il suo gameplay veloce e divertente vi acchiapperà dalla primissima run e vi spingerà sicuramente a cercarne immediatamente un’altra. Se queste sono le premesse per Astral Ascent, quindi… non vedo l’ora di poter mettere le mani sulla fantomatica versione 1.0. Tenelo d’occhio, mi raccomando… sono sicuro che vi saprà regalare grandi emozioni!

See you, game cowboys!

 

 

 

Barbarossa - Biografia

Game designer, ha un pallino per il gaming in tutte le sue forme: analogica e digitale. Non volendosi permettere di prediligere una tipologia sull'altra, accumula board games sugli scaffali di casa e video games negli hard disk.