SNK 40th ANNIVERSARY COLLECTION

Una cascata di pixel!

Pubblicato il 29/11/18 da Cathoderay
recensione
Pixelflood.it

SNK 40th ANNIVERSARY COLLECTION

Developer: /
Publisher: /
Piattaforma: /
Genere: /
PEGI:

Per molti SNK è sinonimo di Metal Slug e The King of Fighters, ma esisteva un universo semi sconosciuto prima di questi titoli, giochi mai usciti dalle fumose salette degli anni ’80 e che, grazie a una particolarissima collection distribuita da NIS America, tornano disponibili per Nintendo Switch, una console dove questo tipo di iniziative trova casa facilmente, complice la sua natura ibrida.
All’interno della cartuccina trovano posto ventiquattro giochi, inoltre sono stati annunciati dei DLC gratuiti che andranno a ingrandire la selezione di questi “classici”. Ho messo la parola classici tra virgolette perché questa collection è figlia dei ricordi dei giocatori americani e, ad alcuni di voi, questi titoli risulteranno semisconosciuti.

Pixelflood.it
Tipo Ikari Warriors 3

Per ogni gioco presente sono state inserite tantissime opzioni, atte a farvi apprezzare il carattere più divulgativo che ludico dell’intera opera: tralasciando infatti la presenza di opzioni per le scanlines e i vari adattamenti dello schermo, anche in verticale per i giochi che lo richiedevano, troverete anche i porting su console dei giochi proposti, quasi ci trovassimo davanti a un documentario.

pixelflood.it
Prehistoric Isle è sempre bellissimo!

Meglio dire fin da subito che non tutti i giochi contenuti in questa collection sono invecchiati bene, non per cattiveria ma per dovere di cronaca, questa collection nasce specificatamente per mostrare ai giocatori vecchi e nuovi quell’esatto periodo della produzione SNK, con i pregi e i difetti del caso.

Pixelflood.it
Athena, prima che iniziasse a menare le mani in The King of Fighters.

L’emulazione è pressoché perfetta: laddove il coin-op originale prevedeva un sistema di rotary stick, come ad esempio nella saga di Ikari Warriors, qui abbiamo un sistema twin stick che sostituisce egregiamente il tutto, risultando perfetto sia in dock che nella modalità portatile. Un prodotto di questo genere vanta ovviamente una vasta modalità museo: da questo punto di vista la raccolta non delude le aspettative, proponendo una gran quantità di immagini originali, scansioni di bozzetti, foto dei cabinati, oltre a curiosità legate al gioco e al suo sviluppo.
Potrete ad esempio scoprire come nasce il personaggio di Athena, reintrodotta poi in The King of Fighters, e quante difficoltà si potessero incontrare nel convertire da arcade a console, tutto questo in un certo modo affascina e aiuta a comprendere meglio la storia della casa giapponese, rendendo apprezzabili anche opere meno conosciute di SNK come  Tangram Q, che non è mai stato pubblicato.

Pixelflood.it
Alla fine siamo gentili, chiamiamo anche i soccorsi dopo la rissa.

Troviamo infine un ricco comparto audio, con musiche originali ascoltabili in qualsiasi momento, che ben delineano l’impegno nel creare atmosfera tipico dell’epoca, con brani orecchiabili e decisamente in linea con l’azione a schermo. In definitiva SNK 40th ANNIVERSARY COLLECTION si rivela una collection non per tutti, più adatta a chi voglia scoprire un’epoca del gaming particolare e decisamente prolifica, o a chi ai tempi avesse giocato qualcuno di questi giochi sulla propria console di casa e sentisse il bisogno di fare un tuffo nel passato.
Per chi invece volesse un passatempo da un gettone e via consiglio di guardare altrove, magari alla collection di picchiaduro Capcom recensita qui, che potrebbe rivelarsi più adatta. Se amate l’archeologia videoludica invece è un gioco da non farsi assolutamente scappare.

Perché sì:
Perché no:
  • Conversioni perfette
  • Tantissimo materiale storico

 

  • Titoli poco conosciuti in Europa

sezione museo

Cathoderay - Biografia

Cathoderay
Amante dei fumetti in maniera viscerale, è uno dei "Vecchi" della redazione, molto spesso si ricorda di titoli semi sconosciuti perché ha avuto la sfortuna di provarli quando uscirono, ha scritto qua e la per tanti anni in tanti posti, e internet ne porta una sottile traccia, un filo rosso che denota la sua instabilità mentale. Adora gli ornitorinchi, le lontre i lupi e le volpi, ma fondamentalmente non glielo sentirete mai ammettere, perché è una persona orribile.