Pubblicato il 22/06/19 da Nicola De Bellis

Contra Anniversary Collection

Run, gun, fun.
Developer: /
Publisher: /
Piattaforma: , , , /
Genere: /
PEGI:

Introduzione – Ritorno alla giungla

Una delle sorprese dell’E3 appena conclusosi è stata l’annuncio di Contra: Rogue Corps. Un capitolo nuovo di zecca per una serie iconica che giace silente da quasi un decennio? Si fa quasi fatica a crederci. Non si può saltare dritti nel nuovo gioco, però. La lunga assenza dal panorama richiede uno step in più. Richiede di ricordare al pubblico cos’è Contra.

Contra Anniversary Collection, sviluppato da Konami per PC, PlayStation 4, Xbox One e Switch, è una raccolta che include i primi cinque capitoli della serie, tutti platform-sparatutto arcade 2D.

La versione NES di Contra non è la prima, ma è la più iconica.

Contenuti – Collezione quasi completa

Per la precisione la raccolta include:

  • Contra (Arcade e NES)
  • Super C (Arcade e NES)
  • Contra III: The Alien Wars (SNES)
  • Operation C (GameBoy)
  • Contra: Hard Corps (Mega Drive)

Tutti disponibili, dove possibile, in multiple versioni, incluse le varianti europee alterate (tutti gli umani sono sostituiti da robot ed altre piccole censure), rinominate, al tempo, Probotector.
La selezione dei giochi è solida, include tutti i classici più perle meno note, come Contra: Hard Corps (da bimbo cresciuto col Mega Drive è inevitabilmente uno dei miei preferiti).

Contra Hard Corps era graficamente impressionante per un Mega Drive. È un piacere rivederlo in azione.

Purtroppo duole comunque l’ingiustificabile assenza di Contra 4, un piccolo capolavoro sviluppato, al tempo, da WayForward per Nintendo DS. Più giustificabile, ma comunque pesante, è l’assenza di Contra: Shattered Soldier per PlayStation 2. In generale, è un peccato vedere mancata l’opportunità di mettere assieme un omnibus della serie, includendo anche titoli come Hard Corps: Uprising e capitoli meno piacevoli, ma comunque interessanti, come Neo Contra. È possibile che vengano aggiunti in seguito, come sono state aggiunte, post lancio, le versioni giapponesi di alcuni capitoli, ma, al momento, piange il cuore.

Le versioni europee, con i protagonisti rimpiazzati da robot, sono incluse nella collection.

Comparto tecnico – Ripuliti e rilegati

La collection è ben presentata, con una buona emulazione di tutti i titoli, scalati senza grossi problemi su schermi ad alta definizione. Le uniche riserve sono su un filtro finto schermo CRT non troppo convincente (scurisce troppo i colori) e sulla modalità che preserva l’aspect ratio corretto, che tende a sfocare un po’ troppo l’immagine sulle versioni arcade di Contra e Super C.

I controlli meritano anche due parole: apprezzo molto avere il fuoco turbo attivabile e disattivabile con la sola pressione di un tasto dorsale, ma trovo i tasti frontali mal distribuiti. Nel caso della versione PS4, da me testata, il fuoco è impostato sulla X ed il salto sul quadrato, per emulare la disposizione dei tasti su NES. Apprezzabile, ma su controller moderni che non hanno la stessa forma è preferibile che siano invertiti. Nella versione del gioco al lancio non è possibile rimappare i controlli, il che è un peccato. Spero venga rimediato con una futura patch.

Alla fin della fiera, Contra è oggi quello che era 20 anni fa: pura azione 2D dai controlli perfetti. Si può fare ben poco per rovinarlo.

Conclusioni – Konami punta al 6 politico

In generale, Contra Anniversary Collection è una raccolta di soli capitoli essenziali, ben presentata, che fa esattamente quello che si pone di fare: ricordare al mondo che Contra esiste ed è divertente oggi come nel 1987. È solo un peccato che non si sforzi di fare nulla di più.

Perché sì:
Perché no:
  • Solida scelta di giochi...
  • Emulazione priva di glitch
  • Ottimo materiale extra incluso

 

  • ... con qualche grande assenza
  • Controlli non rimappabili

FIUMI DI PIOMBO

Jack Ryder - Biografia

Avatar
Disegnatore, pixel artist, game designer dilettante e ombra di se stesso professionista, critica allo sfinimento tutto ciò in cui riesce ad affondare i denti e scrive le sue orribili opinioni pubblicamente come passatempo.