Pubblicato il 14/10/19 da Francesco D'Emilio

Destiny 2 Annual Pass: Season of the Drifter

Alright, alright, alright...
Developer: /
Publisher: /
Piattaforma: , , /
Genere: , , , /
PEGI:

Introduzione – Vex on the Field

Lo Year 2 di Destiny 2, in seguito all’uscita di Forsaken e Black Armory, continua ad arricchirsi con una seconda aggiunta compresa in quello che, a tutti gli effetti, è un Season Pass con contenuti selezionati e tematici. Questa volta tocca a quello che è l’anello debole dell’offerta dello Year 2, che comunque non nasconde novità interessanti per l’intera serie.

Il Gambit Prime, la grande (e frustrante) aggiunta di questa stagione.

Storia – I Nine, Drifter e chi più ne ha più ne metta

A sorpresa, la Season of the Drifter si rivela molto interessante per quanto riguarda il lore di Destiny, mostrando novità riguardanti personaggi preesistenti (come il Drifter o l’Emissary dei Nine) e approfondendo un sacco di aspetti prima rimasti ancora celati nel mistero nell’universo di Destiny.

Le cutscene in-game, collegate sia all’Allegiance Quest (un po’ povera e, a modo suo, una occasione sprecata per un concept altrimenti interessante) che agli incontri con l’Emissary dei Nine, sono come sempre di ottima fattura e, assieme a dialoghi e a decine di libri in-game, alzano non poco la qualità di un DLC che, altrimenti, non approfondirebbe la sottile ma fondamentale correlazione tra il Drifter e l’attività PvE del Reckoning.

Proprio come in Forsaken, ci ritroveremo ad essere noi protagonisti più di ogni altro, sicuramente in un modo meno evidente rispetto a suddetta espansione.

Uno dei migliori hand cannon del gioco, lo Spare Rations è ottenibile solo dal tier più alto del Reckoning.

Gameplay – Gambit Prime e Reckoning

Le aggiunte più interessanti di questo DLC sono il Reckoning, una nuova attività accessibile dopo diversi step effettuati nel Gambit, ed il Gambit prime.

Il primo è una nuova aggiunta al roster di attività di end-game PvE, che presenta una sfida estremamente alta, a tratti addirittura frustrante per come è progettata: si tratta di tre step distinti in una location molto vicina ai Nine come impatto estetico, il cui secondo step tra i due, che richiede un timing fondamentalmente precisissimo, è spesso la causa del fallimento dell’attività. Da sottolineare come questa sia però accessibile con diversi gradi di difficoltà.

Tale Reckoning, però, richiede prima un minimo di sforzo all’interno del Gambit Prime: secondo gli stessi sviluppatori, una versione piu “sweaty” del Gambit stesso, più veloce (teoricamente), a singolo round (il comeback è davvero difficile in questa modalità) e un sacco di meccaniche violentemente punitive, al limite del griefing. Bloccare le mote all’avversario, rubarle, chiamare blocker di proporzioni colossali… Tutto è permesso in tale modalità, e con il meta corrente di machine gun e quant’altro, il piatto è sicuramente pregno di fastidio di ogni sorta.

Il loot, in questo caso, è però molto interessante, con armi nuove che comprendono perk molto potenti e, fondamentalmente, introvabili in ogni altra attività.

L’attività nuova di end-game PvE, il Reckoning, è anch’essa fonte di non poco fastidio.

Conclusioni – Il pinnacle del PvE

Contenutisticamente parlando, la Season of the Drifter non spicca se non nell’ambito puramente collegato alla componente PvEvP del titolo: tale aggiunta, però, è semplicemente volta ad offrire un’altra esperienza (che per certi versi è più frustrante) accanto all’offerta digitale, senza però rispondere agli importanti bisogni di miglioramenti di bilanciamento, quality of life e in toto “rilevanza” che ha tale modalità del gioco in quello che è il mosaico, ormai immenso, di attività di Destiny 2.

Perché sì:
Perché no:
  • Il Gambit Prime è veloce e brutale
  • Il Reckoning è una aggiunta gradita
  • Una delle stagioni con più lore mai vista

 

  • Focus solo sul PvPvE
  • Attività troppo punitive rispetto al guadagno
  • Nessun Raid incluso

I Nine

Gambit time, ma troppo

No raid

Strelok - Biografia

Francesco D'Emilio
Belka did nothing wrong.