Yakuza Kiwami 2

L'eterno conflitto

Pubblicato il 26/09/18 da Ruka
recensione
pixelflood.it

Yakuza Kiwami 2

Developer: /
Publisher: /
Piattaforma: /
Genere: /
PEGI:

La vita sembra aver assunto connotati più tranquilli per il buon vecchio Drago di Dojima: l’infaticabile Kazuma Kiryu, abbandonata la vita da yakuza, ora vive crescendo ed educando la piccola Haruka in quello che per loro due rappresenta un nuovo inizio, dopo le tragiche vicende alla Millennium Tower.
Purtroppo però il passato del nostro protagonista tornerà ben presto a scontrarsi con la sua volontà di vivere pacificamente, costringendolo a tornare in quell’oscuro mondo che voleva lasciarsi alle spalle.
Svelarvi oltre sarebbe davvero criminale  – è una battuta che riciclo spesso, ma funziona – poiché, come da canone per la serie, i colpi di scena non mancano mai; discorso differente per chi ha giocato l’originale, secondo capitolo della saga di cui questo Kiwami 2 è il remake,  visto che si troverà praticamente la stessa storia davanti, ovviamente resa più spettacolare grazie all’impiego di un Dragon Engine riveduto e corretto rispetto alla versione che muove Yakuza 6.
La campagna principale scorre perlopiù fluida, sebbene siano presenti sezioni messe lì solo per “allungare il brodo”, le quali risultano tediose e addirittura inutili ai fini della trama (ad esempio ci si troverà a fare avanti e indietro dal punto A al punto B solo per dire a una persona di aver parlato con un’altra persona).

Ryūji Gōda è uno dei villain più riusciti dell’intera saga.

Sul gameplay c’è veramente poco da dire, in quanto esso ricalca il giocato di Yakuza 6: ci si sposta per le piccole ma piene aree di Kamurocho e Sotenbori, si svolgono attività secondarie come le sempreverdi Substories o gli immancabili minigiochi – menzione d’onore per il Toylets – e si pesta un sacco di gente.
Il combat system è rimasto più o meno immutato rispetto a quanto visto nel sesto capitolo, manca quindi una selezione dello stile e presenta come uniche eccezioni la possibilità di immagazzinare le armi lasciate cadere dai nemici per usarle in un secondo momento e il poter caricare i colpi per renderli ancora più devastanti.
Su questo piano vi è la Majima Saga ad aggiungere un minimo di varietà in più: composta da tre capitoli, nei panni di Majima Goro potremo giocare questa storia, separata dalla main quest, selezionando la relativa voce dal menu principale, un’aggiunta molto gradita per chi ha apprezzato il capitolo 0.
Dal primo Kiwami invece torna l’Extreme Heat Action, una sorta di QTE che si attiva automaticamente al termine di una boss battle traducendosi nell’Essence of Finishing Blow, una finisher solitamente violenta e spettacolare la cui animazione tuttavia tende a ripetersi nel corso dell’avventura.

Come al solito, a Kamurocho volano schiaffi.

Tecnicamente ci si trova sugli stessi livelli del sesto capitolo: Kamurocho e Sotenbori sono liberamente esplorabili da cima a fondo, la transizione tra interni ed esterni non presenta caricamenti e più in generale gran parte della roba presente su schermo è interagibile.
Inoltre, come già detto, questo remake beneficia di una versione rifinita del Dragon Engine che lima i difetti visti in passato, come un tearing piuttosto insistente e un framerate ballerino, ora molto più stabile anche sui modelli base di PS4.
Impeccabile come sempre il sonoro, con l’azzeccatissima soundtrack e il doppiaggio di altissimo livello, ormai delle costanti nei titoli di questa saga.
Tirando le somme, Yakuza Kiwami 2 è un eccellente remake: ideale sia per chi non ha giocato il secondo capitolo, sia per chi invece l’ha fatto, è una produzione letteralmente imbottita di contenuti che porterà via parecchie ore ai completisti.
Certo, ogni tanto si sente un po’ puzza di riciclo (in particolare per il modello di Kiryu, brutalmente copiato e incollato dal 6, una scelta non ottimale visto che Yakuza 2 è ambientato nel 2006 e ci si ritrova un protagonista già invecchiato), alcune cose tendono a ripetersi e determinate sezioni potrebbero tediarvi, ma ci si passa sopra come se fosse una banda di teppisti a Kamurocho.

Perché sì:
Perché no:
  • Tanti contenuti, come sempre
  • Il Dragon Engine fa la sua porca figura...

 

  • La main quest presenta sezioni inutili
  • ... ma gli asset riciclati no

MAJIMA

Ruka - Biografia

Un weeb che videogioca e scrive. No seriamente, cosa vi aspettavate ?