Battlestar Galactica Deadlock: The Broken Alliance

Così diciamo tutti...?

Pubblicato il 18/07/18 da Sara Porello
recensione
pixelflood.it

Battlestar Galactica Deadlock: The Broken Alliance

Developer: /
Publisher: /
Piattaforma: , , /
Genere: /
PEGI:

Battlestar Galactica Deadlock: The Broken Alliance, specificarlo è superfluo, è ambientato nell’universo di Battlestar Galactica, e in particolare durante la Prima Guerra Cylon.
DLC di Battlestar Galactica Deadlock, interpreterete un ufficiale sotto il comando dell’Ammiraglio Lucinda Cain, e dovrete costruire la vostra flotta e scontrarvi con i Cylon in una serie di battaglie spaziali, in difesa delle Dodici ColonieI legami con la meravigliosa serie sci-fi, purtroppo, si esauriscono in queste poche note di background. 

Del resto, non che l’ambientazione o la storia siano così importanti, nel gioco… si tratta purtroppo di poche pennellate di colore che fanno da sfondo a un classico gioco di strategia militare, incentrato su battaglie spaziali, come ce ne sono tanti. 

L’inizio almeno è familiare…

Sono disponibili diverse modalità di gioco. La modalità Campagna vi permetterà di giocare seguendo una storia. La modalità Schermaglia, invece, consiste in singole battaglie in cui è possibile selezionare la mappa e il tipo di scontro (difendere un trasporto, distruggere la base nemica o eliminare tutte le navi nemiche sulla mappa).  

Non ho avuto modo di provare la modalità Multiplayer, disponibile in versione co-op contro la I.A. oppure in versione PvP, pubblica o privata; non ho avuto modo di provarla perché il sistema di matchmaking non ha trovato nessun giocatore a cui abbinarmi. E non credo ci sia altro da aggiungere in proposito.

Il gioco presenta una struttura a turni che alterna fase decisionale e azione: durante la fase decisionale il giocatore dovrà decidere la propria strategia (come muovere le proprie navi, quali bersagli attaccare, con quali armi, ecc), e la I.A. farà lo stesso; nella fase di azione invece ci si limiterà a osservare l’evolversi della battaglia, e così via fino alla sua conclusione.
Preparatevi bene per la fase decisionale, perché avrete a che fare con una serie di dati (inutilmente) complessi: il mio consiglio è quello di prendere almeno una laurea in Ingegneria Navale e una in Scienze Strategiche: potrete così affrontare questa fase con relativa facilità.  

Oh, frak!

Dal punto di vista tecnico, almeno, il gioco è valido: la grafica, soprattutto durante i filmati dei replay, è di alta qualità: la colonna sonora è ineccepibile, essendo ispirata alle meravigliose musiche composte da Bear McCreary per la serie TV.  

Questa volta non chiuderò la recensione con un giudizio complessivo sul gioco e relativi consigli, dal momento che mi pare palese, se avete letto i paragrafi precedenti, che il gioco non mi è piaciuto per niente (opinione personale e sicuramente influenzata dal fatto che non amo i giochi di questo genere), ma che può certamente essere appetibile per gli appassionati di videogiochi di strategia. 

No, questa volta chiuderò la recensione con un consiglio (un appello?) agli sviluppatori e soprattutto ai distributori. Da grandissima fan della serie di Battlestar Galactica, mi sento di dire che le potenzialità di questo universo e degli archi narrativi della serie, nonché dei vari prequel o spin-off (CapricaBlood & Chrome), sono infinite. O molto prossime all’infinito. BSG ha creato un universo di background tra i più belli di tutta la narrativa sci-fi (di tutti i media, dalla letteratura alla TV, fino al mondo dei videogame): un universo popolato di personaggi meravigliosi, situazioni caratteristiche, eventi spettacolari.
Distributori di tutto il mondo, lasciatemi dire che qualsiasi gioco ambientato in questo universo che non sia di genere RPG è un gigantesco, colossale, immane spreco. 

Perché sì:
Perché no:
  • Grafica dei replay di alta qualità

 

  • Lento, noioso, complicato
  • Multiplayer chi...?

BSG

Sara Porello - Biografia

Sara Porello
Fin dalla più tenera età è affascinata dall’universo nerd, ma per anni ne resta ai margini. E poi… Le cattive compagnie finiscono per trascinarla completamente dentro. Giocatrice da tavolo, di ruolo, di videogames. Se si può giocare, lei lo gioca. Appassionata di cinema e serie TV, di manga e anime. Adora il Giappone, adora oggetti e animali kawaii. Adora, sopra ogni cosa, i coniglietti.