Carcassonne Big Box 6

Le infinite possibilità diventano ancora più infinite

Pubblicato il 19/12/17 da Selene Greco

Carcassonne Big Box 6

Editore: /
Numero di giocatori: /
Tempo di gioco: /
Età suggerita: /

Vi sarà certamente capitato, se amate i giochi da tavolo, di trovarvi a mettere in discussione amicizie decennali per questioni vitali come, ad esempio, la perdita della Kamchatka, o per essere tragicamente finiti su Viale della Vittoria subito dopo averlo ceduto (nella speranza di non dover dichiarare bancarotta al prossimo turno) al vostro stesso aguzzino nonché ex-migliore amico.
E dunque se, come già detto, amate i giochi da tavolo non vi sarà passata inosservata l’uscita della Carcassonne Big Box 2017, la sesta della meritatamente fortunata serie tedesca.

Nel caso in cui, invece, non sappiate di cosa si stia parlando, sarò breve: scopo del gioco è la costruzione di quanto costituisca un territorio medievale attraverso il posizionamento delle 72 tessere contenenti città, strade, monasteri e tanto altro, grazie alle espansioni presenti in questa succulenta proposta edita da Giochi Uniti.

La disposizione delle tessere parte dal fiume.

Uno dei fattori che hanno determinato il successo di quello che è, ormai, un classico dei giochi da tavolo è la sua estrema semplicità delle regole. Il turno di ogni giocatore, infatti, consiste in poche azioni: pescare una delle tessere; posizionarla sul campo in modo sensato rispetto agli elementi paesaggistici delle altre tessere presenti; eventualmente, posizionare una delle otto pedine a disposizione di ciascun giocatore, dette meeple, su uno degli elementi della propria tessera. Il tutto al fine di aumentare l’area d’influenza e, conseguentemente, il punteggio.
Se, nonostante l’infinità di combinazioni ed epiloghi possibili, non foste ancora soddisfatti (tutti, prima o poi, arrivano a volere qualche tessera in più!), non temete: di espansioni, ad oggi, ne sono uscite ben dieci, a cui si aggiungono mini-espansioni ed edizioni con ambientazioni spaziotemporali totalmente differenti.

In quest’ultima edizione della Carcassonne Big Box, oltre al gioco base, troviamo ben undici espansioni e mini-espansioni, contro le quattro della precedente. Nello specifico, volendo confrontare le due edizioni, permangono sia Locande e Cattedrali, sia Commercianti e Costruttori, che sono espansioni, mentre tra le mini avremo Il Fiume e L’Abate (che, va detto, sono ormai parte del set base) e altre sette non presenti nelle grandi raccolte precedenti: Le Macchine Volanti, Il Traghetto, Il Messaggero, La Miniera, Il Mago e la Strega, Il Brigante e Cerchi Nel Grano. Il tutto fa salire a un totale di 118 il numero delle tessere disponibili, utilizzabili a vostra discrezione in base a quante e quali espansioni vorrete combinare.

Le squadre di meeple disponibili, in compenso, diminuiscono, passando da otto a sei, e alle nove pedine di base (una da utilizzare come segnapunti sull’apposito tabellone) si aggiungono dei meeple speciali da utilizzare tatticamente, come i tasselli merce, i lingotti e i traghetti, per aumentare il proprio punteggio.
Il dado presente nella confezione, infine, servirà per giocare con Le Macchine Volanti, ma, per non fare torti alle altre espansioni e diventare tediosa, non entrerò nello specifico.

Le differenti tipologie di pedine presenti nella Big Box.

Una novità piuttosto evidente è la veste grafica, in cui le mura e le guglie delle torri si distinguono più facilmente, rispetto all’interno delle città che racchiudono, rispettivamente da un color tortora (grigio-beige, per intenderci) e da un blu brillante. Di per sé sarebbe una scelta molto gradevole, esteticamente, se non fossero tonalità analoghe a quelle di strade, fiume ed eventuali laghetti, creando un effetto a metà strada tra il dinamico e il caotico. Una scelta che, secondo me, non agevola i neofiti che non sono già abituati alle forme particolari di strade e città. Da questo punto di vista, ritengo fosse migliore la distinzione netta tra campi verdi, città marroni e strade bianche.

Tutto sommato, considerando che Carcassonne è ottimo anche giocato soltanto in due, e che più espansioni si utilizzano in contemporanea, più se ne aumenta la complessità e la durata, sono certa che in breve tempo imparerete ad amarlo, delineando il vostro peculiare metodo di gioco e scoprendo quali espansioni stimolano di più il vostro ingegno.
Visto anche il costo contenuto (soprattutto a fronte delle singole componenti) di 59,90 € consiglio vivamente di farci un pensiero, magari approfittando del periodo per farlo conoscere agli amici appassionati delle serate attorno a un tavolo o, perchè no?, concedervi il regalo che valutavate da un po’.

”INTRAMONTABILE”

”GRAFICA”

Perché sì:
Perché no:
  • Nuova grafica
  • Le tante espansioni rendono il gioco ancora più avvincente
  • Costo contenuto

 

  • ... un po' caotica

MoonsScythe - Biografia

Selene Greco
Per Pixel Flood, mi occupo prevalentemente di editing, grafica e social media marketing. Altrimenti zombifico la gente u.u