Dissidia Final Fantasy NT – Anteprima

Uno sguardo alla Open Beta

Pubblicato il 19/01/18 da Aymeric
anteprima
Dissidia Final Fantasy NT

Dissidia Final Fantasy NT – Anteprima

Software House: , /
Team di sviluppo: /
Piattaforma: /
Genere: /
PEGI:

Settimana di fuoco per le open beta su PlayStation 4: mentre Bandai Namco sta sistemando la situazione lato server della beta dedicata all’atteso Dragon Ball FighterZ, Square Enix ha dedicato più di un’intera settimana al suo prossimo picchiaduro 3D, Dissidia Final Fantasy NT. Sviluppato in collaborazione con Koei Tecmo e Team Ninja, il gioco prende le solide fondamenta dei due capitoli usciti ormai dieci anni fa su PSP e le modifica, adattando il titolo a un pubblico online.

La beta si presenta con tre fasi distinte (tutte a gennaio, nei giorni 12-15, 15-18 e 18-21), nelle quali sarà possibile provare diversi personaggi in ogni fase, accedere a quattro filmati della campagna single player (a patto di ottenere Memoriae vincendo gli scontri online), sfidare persone di tutto il mondo da soli o accompagnati da due amici e, infine, dare uno sguardo alla modalità personalizzazione.

Dissidia Final Fantasy NT
Da buon giocatore assiduo di FFXIV non potevo non provare Y’sthola.

Sul gameplay del gioco c’è poco da dire, ci troviamo di fronte a una versione più tecnica del picchiaduro uscito su PSP, con mosse meno spammabili e che hanno un loro peso sul combat system, non solo per danni ed effetti ma anche sui “frame” che le compongono; si dovrà quindi studiare bene il moveset di ogni personaggio per poterlo usare al meglio. Per questo motivo sono state aggiunte le cancel, tipiche dei picchiaduro tradizionali ma non presenti nei Dissidia originali (o, almeno, non così necessarie come ora): ora sarà quindi possibile cancellare l’animazione di un attacco schivando, parando o scattando, dando per scontato che una di queste tre azioni venga eseguita in quella finestra di tempo necessaria per annullare l’animazione e mettersi al sicuro.

Particolare anche la scelta di limitare ogni giocatore a un solo (su quattro selezionabili) Attacco HP. Nei giochi originali era possibile impostare vari Attacchi HP su altrettanto varie combinazioni tra tasti direzionali e il tasto quadrato, tenendo pure in considerazione se il personaggio si trovasse con i piedi per terra oppure in aria; la natura da gioco prettamente online di Dissidia NT, invece, lo obbliga ad abbandonare questa libertà, in quanto avere quattro o cinque mosse letali equipaggiate potrebbe rischiare di rendere le partite online troppo caotiche e sbilanciate, mentre, ora come ora, se so che un Cloud avversario ha equipaggiato Meteo Rain, mi conviene tenermi a distanza di sicurezza.

Dissidia Final Fantasy NT
Graficamente Dissidia NT è una piccola perla.

Trovo una scelta assolutamente giusta quella di eliminare del tutto le mosse finali dei capitoli portatili sostituendole con le tre EX Skills (due prese da un loadout creato in precedenza e utilizzabile da tutti i personaggi e una peculiare per il personaggio scelto), le quali aggiungono profondità strategica alle battaglie e possono contribuire a una migliore sinergia del party.

Sinergia vitale, perché ora Dissidia è un gioco tre contro tre e, per questo motivo, un solo anello debole potrebbe far sì che il nemico si porti a casa facilmente i tre KO richiesti per vincere. Ad aiutare il gruppo ci saranno comunque le evocazioni, tipiche della saga, le quali richiederanno uno sforzo di collaborazione per essere richiamate, ricompensando il gruppo con buff considerevoli a certe meccaniche (cooldown delle EX skills ridotti, HP maggiorati, eccetera) e una pioggia di danni sui nemici.

Dissidia Final Fantasy NT
Bioga è un proiettile esplosivo a corto raggio che può essere molto utile ai personaggi melee.

Unico problema alla base della modalità online, al momento, è il lento matchmaking, principalmente dovuto dal fatto della totale assenza online del pubblico giapponese, quello più interessato al titolo, in quanto il gioco è ormai disponibile nei negozi nipponici da prima della open beta. Ci dobbiamo accontentare quindi dei lunghi tempi di attesa e dell’occasionale lag dovuto a un host non propriamente performante, ma confido che, essendo appunto una beta, questi problemi verranno risolti con un aggiornamento dei server una volta che il gioco sarà disponibile nei negozi.

Per quanto riguarda il roster di personaggi utilizzabili attualmente, ho riscontrato un leggero sbilanciamento in favore di Cloud che, come nei passati giochi, si è rivelato un powerhouse mica da ridere, soprattutto se a usarlo troviamo un giocatore capace. Spero in un nerf futuro perché fa seriamente troppi danni in troppo poco tempo, mentre il resto del roster si è rivelato quasi tutto alla pari, con ogni personaggio con peculiarità, pregi e difetti.

 

Nota dolente per chi detesta le lootbox, invece: Dissidia Final Fantasy NT, per quanto riguarda gli oggetti estetici come avatar, armi, costumi, titoli, emotes e sottofondi musicali, si appoggia a un sistema di lootbox, ottenibili, al momento della beta, salendo di livello (due per livello) o ottenendo buoni punteggi nelle sfide in locale. Seppur i contenuti delle lootbox saranno appunto totalmente estetici (à la Overwatch), sono sicuro che qualcuno là fuori sta già storcendo il naso per la questione: c’è comunque da considerare che ogni battaglia ci farà guadagnare un certo numero di guil, probabilmente utili ad acquistare lootbox aggiuntive o, chissà, i singoli oggetti a cui siamo interessati, nella versione completa.

Tirando le somme, questa fase beta mi ha mostrato un titolo interessante, tecnicamente ben realizzato, con piccole falle legate al matchmaking e all’eccessiva potenza di un personaggio in particolare ma, eccettuando questi due piccoli problemi, mi sono divertito alcune ore testando ogni singolo personaggio e attendo con impazienza il 30 gennaio, giorno in cui Dissidia Final Fantasy NT sarà disponibile nei negozi.

Aymeric - Biografia

Michael Maneia
Nato tra le risaie, cresciuto a console e jrpg, per poi convertirsi al PC. I videogiochi han avuto un tale peso sulla sua vita che li ha fatti diventare il suo lavoro.