Cooler Master Masterkeys CK550

Meccanica, RGB, design semplice e pulito: non le serve altro

Pubblicato il 01/08/18 da RickyAll
recensione
pixelflood.it

In qualsiasi sito, rivista o ambiente dedicati ai PC user è praticamente impossibile non ritrovarsi davanti a una delle domande che più frequentemente viene posta in quegli ambienti: “Vale la pena investire in una tastiera meccanica?” Beh, non credo certo di essere l’esperto definitivo in materia, ma posso darvi la mia modesta opinione: una volta che si prova una tastiera meccanica non si torna indietro.

Che preferiate degli switch estremamente leggeri (generalmente indicati con la categoria Red) o i rumorosi (ma dal feedback alla pressione appagante) Blue, la tastiera meccanica offre una sensazione tattile infinitamente superiore alle più comuni tastiere a membrana: considerate che quando mi trovo a dover digitare su una di quest’ultime (su PC altrui) ho la sensazione di premere dei tasti completamente immersi in un bagno di colla. Sia chiaro, questa è la mia opinione personale e insisto sul fatto che non pretendo di possedere il sapere definitivo in ambito di tastiere. Fatto sta che, da quando ho compiuto il “grande passo” non solo digitare è più piacevole, ma ho completamente eliminato ogni forma di dolore al polso che spesso affliggeva la mia mano sinistra, cioè quella che uso per la barra spaziatrice.

Purtroppo, ovviamente, la meccanica ha i suoi difetti:  il suo essere particolarmente costosa, soprattutto se si vuole un modello affidabile, magari con i tasti  facilmente intercambiabili, oppure con la scocca d’alluminio o addirittura con i led RGB piuttosto che di un singolo colore. In genere acquistare una tastiera simile obbliga a una spesa abbondantemente superiore ai 100 €.

E se invece vi dicessi che esiste una tastiera che rispetta alla lettera i requisiti che ho descritto poc’anzi ed è acquistabile ben al di sotto dei suddetti 100 Euro?

Perdonate la pessima illuminazione. Anche con numerosi tentativi e utilizzando una reflex è difficile fare un buono scatto in queste condizioni.

La Cooler Master CK550 risponde proprio a chi cerca una tastiera funzionale, elegante, dal funzionamento impeccabile ma anche senza fronzoli, spartana e, sopratutto, economica. Nonostante il prezzo contenuto (89,95 € di listino) rispetto alle meccaniche RGB dei principali competitor dell’azienda taiwanese, questa tastiera ha feature di tutto rispetto, tra le quali: personalizzazione in tempo reale dell’illuminazione e delle macro attraverso una semplice combinazione di tasti, LED RGB su ogni singolo tasto, alluminio satinato e decine di schemi di illuminazione pre-impostati, sebbene sia possibile crearne di completamente nuovi o personalizzati nell’intensità di illuminazione, del colore, o nello schema di illuminazione attraverso sia i comandi on the fly che tramite il software dedicato, il quale risulta essere però completamente opzionale e non necessario al funzionamento della tastiera.

La CK550 monta degli switch Gateron, in particolare la versione da me testata è equipaggiata con la versione Red, caratterizzata da un’azione lineare (cioè che richiede la pressione del tasto fino a fine corsa per il riconoscimento dell’input) e dalla forza necessaria per la pressione del tasto estremamente leggera (45 grammi), i quali vengono generalmente consigliati ai videogiocatori, in particolare a coloro che prediligono titoli ad alta adrenalina come FPS e simili.

Dopo aver provato estensivamente gli switch in questione, posso affermare con ragionevole sicurezza che i Gateron non hanno nulla da invidiare ai più blasonati Cherry MX: la mia precedente tastiera montava proprio dei Cherry MX Red e il passaggio ai Gateron è stato rapido e indolore. L’unica vera differenza riguarda il suono: quello dei Cherry risultava più cupo e attutito rispetto a quello dei Gateron, i quali hanno una sonorità più acuta e clicky, nonostante, per quanto riguarda l’intensità di rumore, si viaggia più o meno sugli stessi decibel.

Lo scatto al buio con una tastiera dotata di LED RGB è praticamente obbligatorio.

Concludendo, la mia esperienza con la CK550 è risultata estremamente positiva: una tastiera dalle eccellenti prestazioni, iper accessoriata, robusta, elegante, che non ha nulla da invidiare a modelli che costano almeno il doppioCooler Master ha colpito nel segno con questo prodotto, consiglio l’acquisto a chiunque cerchi una tastiera meccanica RGB.

Unico piccolo caveat: il software gestionale (che ricordo essere completamente opzionale) ha un’interfaccia grafica che va ben oltre lo spartano, avvicinandosi più verso il reame dello scarno. Per quanto riguarda le sua funzionalità nulla da dire, esegue egregiamente il suo lavoro, ma una cura maggiore per ciò che concerne il fattore estetico non avrebbe fatto male.

Ci rileggiamo a breve per la review dedicata al compagno di questo meraviglioso pezzo d’hardware: MasterMouse MM530 (accompagnato dal tappeto da mouse Swift-RX XL, che potete già vedere nelle foto dedicate a questa tastiera).

Perché sì:
Perché no:
  • Switch
  • Alluminio Satinato
  • Controlli on the fly
  • Prezzo

 

  • Software gestionale dallo scarso appeal

Niente fronzoli

RickyAll - Biografia

Al secolo Riccardo Allegretti (no, il mio nickname non significa Riccardo Tutto e sì, sono una persona molto fantasiosa). Videogiocatore quasi a 360 gradi, recensore a 720, persona a 1080p. Come avrete notato, ho molti talenti, ma non la simpatia. RPG Master Race!